.

.

giovedì 2 luglio 2015

Il lessico della paura

Il lessico della paura.
(Lettera aperta delle associazioni che seguono l’accoglienza sul territorio della Provincia di Massa Carrara)

Il 5 giugno si è svolto a Carrara un convegno dal titolo “Accoglienza dei richiedenti asilo, valutazione di un anno di attività” promosso dalla ASL1 di Massa e Carrara, a cui molte delle associazioni coinvolte nell’accoglienza hanno partecipato.
Il convegno ha riportato dati molto positivi (e in assoluta controtendenza con l’atmosfera allarmistica che spesso accompagna il tema) riferiti ad un totale di circa 300 richiedenti asilo transitati –tra arrivi e partenze- nell’arco di un anno sul nostro territorio (ricordiamo che al loro arrivo i “profughi” sono sottoposti ad un attento e puntuale screening praticato dai servizi di Igiene dell'ASL 1, i cui dati sono appunto stati riportati nel convegno di cui sopra).
In quella sede è stato spiegato chiaramente che nessuno dei richiedenti asilo passati nella Provincia di Massa nei diversi progetti di accoglienza è stato trovato infetto per la tbc. Il 50% è risultato positivo al test Mantoux, ma questo indica semplicemente la presenza di anticorpi alla malattia e non la presenza della malattia.
Ugualmente, la presenza di anticorpi per l'epatite non significa malattia ma segno di pregresso contatto con il virus.
Infine le persone con scabbia sono risultate essere state 5 a numero, e curate senza problemi.
Nessuno in quella sede ha mai parlato di problemi di contagio per la tubercolosi né per la poliomielite.
Considerato l’allarmismo crescente e i dati sconcertanti che si continuano a leggere sui giornali (che contraddicono in maniera evidente quelli reali) le associazioni che sul nostro territorio seguono a diverso titolo i richiedenti asilo ritengono doveroso, sia nei confronti dei ragazzi ospitati che nei confronti della popolazione, riportare le cose alla loro dimensione reale.
Partendo da queste considerazioni si vorrebbe anche lanciare un appello perché ci sia maggiore attenzione alle notizie, evitando di creare allarmi ingiustificati e privi di fondamento: non serve alla popolazione che viene investita da notizie non veritiere e da preoccupazioni infondate, non serve ai profughi che rischiano di catalizzare su di sé del malumore basato su dati non veri e non serve a chi quotidianamente si occupa di accoglienza.

Il lessico della paura fa male a tutti.

Arci Comitato Provinciale Massa Carrara / Caritas  diocesi di Massa Carrara – Pontremoli / Ass. Comunità Papa Giovanni XXIII


Accademia Apuana della Pace
Agenda 2002 - Bottega Arcobaleno
Legambiente Massa e Montignoso

Nessun commento:

Posta un commento